Table of Contents Table of Contents
Previous Page  11 / 70 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 11 / 70 Next Page
Page Background

GIUGNO 2018 | PLUS MAGAZINE |

PROTAGONISTI

09

Come sta cambiando il rapporto fra Sinda-

cati e grandi aggregazioni bancarie nel nostro

Paese?

Il settore bancario, come l’intera economia, sta

affrontando gli effetti di una potente trasforma-

zione tecnologica. Accompagnare quella che si

caratterizza come un’autentica rivoluzione com-

porterà sicuramente un rafforzamento del con-

fronto tra chi rappresenta i lavoratori e i vertici.

La velocità del cambiamento è tale che richiederà

uno sforzo da entrambi le parti per rispondere a

una sfida che è purtroppo ricca di incognite.

La comunicazione di oggi è definita spesso

come “liquida”: rapidamente ci raggiunge ed

altrettanto velocemente si perde. Il linguaggio

tradizionale ha perso potere e la Rete è molto

più affollata di un’edicola. Non si torna più in-

dietro? E come può essere affrontato questo

cambiamento dalla carta stampata?

Le informazioni ci arrivano ormai da mille pun-

ti diversi, e su molte piattaforme: spesso parziali,

inesatte e qualche volta deliberatamente false. Le

opinioni diventano sempre più raramente con-

fronto di idee per trasformarsi in corpi contun-

denti lanciati verso chi non la pensa allo stesso

modo. Se c’è un ruolo per l’informazione di qua-

lità, distribuita sia su carta che su digitale (non

ha importanza) è la riaffermazione della serietà,

dell’indipendenza e dell’oggettività delle notizie

fornite. E il pluralismo delle opinioni. Uno sco-

glio a cui aggrapparsi nel flusso quotidiano e una

base decisiva per la crescita personale e il futuro

delle società democratiche.

Il Corriere della Sera è l’unico grande giornale

italiano che non ha scelto la via delle aggrega-

zioni. Come si resta indipendenti?

Il Corriere della Sera fa parte di un grande grup-

po editoriale che pubblica il principale quoti-

diano sportivo, i più importanti settimanali e

mensili del Paese, ha una televisione generalista,

una casa editrice di libri e una presenza rilevante

sul mercato spagnolo e un’attività digitale molto

importante su quello italiano. Un gruppo com-

pleto che può mettere insieme tante produzioni

e competenze, difficilmente reperibili nel resto

del mercato.

L’Europa è dominata dall’asse franco-tedesco.

Lo saremo sempre o riusciremo ad essere anche

protagonisti della storia europea?

È uno degli interrogativi principali a cui l’Italia

D

Luciano Fontana

, nato a Frosinone nel 1959, è alla dire-

zione del Corriere della Sera dallo scorso 2015.

Laureato in Filosofia all’Università La Sapienza di Roma,

comincia la sua carriera giornalistica come corrisponden-

te dell’Ansa e nel 1986 è assunto alla redazione dell’Unità

sotto il direttore Emanuele Macaluso. Si occupa di crona-

ca e politica per undici anni, fino alla sua nomina di capo

dell’ufficio centrale.

Nel 1997 entra al Corriere della Sera e nel 2003 è nominato

vice direttore, sotto la direzione di Stefano Folli.È sempre

vice direttore con Paolo Mieli, mentre è del 2009 la nomi-

na a condirettore. Di tre anni fa, la successione a Ferruccio

de Bortoli alla guida del primo quotidiano italiano.

È di quest’anno la pubblicazione del suo libro: “Un Paese

senza leader. Storie, protagonisti e retroscena di una clas-

se politica in crisi.”.