Table of Contents Table of Contents
Previous Page  4 / 70 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 4 / 70 Next Page
Page Background

INTERVISTA DI / INTERVIEW BY

BARBARA ODETTO

Copertina

Già al “Sundance Film

Festival” di Robert Redford

era stato acclamato con

successo e l’Italia lo ha

promosso con lo stesso

entusiasmo.

“The happy prince – L’ultimo

ritratto di OscarWilde”

è il film dedicato agli

ultimi anni di vita dello

scrittore irlandese che un

magistrale

Rupert Everett

ha interpretato e diretto.

Successfully acclaimed

both at the “Sundance

Film Festival” of Robert

Redford and in Italy,

“The happy prince – The

last portrait of Oscar

Wilde” is the film dedicated

to the last years of life

of the Irish writer that a

masterful

Rupert Everett

has interpreted and

directed.

H

o sempre ritenuto che ognuno di noi

abbia un sogno. A qualsiasi età e a qual-

siasi latitudine. Non importa chi siamo

e quale sia il nostro status sociale, ma ciò che

sogniamo. Per questa ragione non mi sono stu-

pita quando Rupert Everett mi ha detto che rea-

lizzare un film su Oscar Wilde era da sempre il

suo sogno. In questo caso, addirittura, i desideri

realizzati sono tre perché quello che è considera-

to a pieno titolo uno dei più brillanti attori della

sua generazione è anche il regista e lo sceneg-

giatore del lungometraggio. “The happy prin-

ce - L’ultimo ritratto di Oscar Wilde” è un film

intenso e ricco di suggestioni nel quale Rupert

Everett racconta in maniera appassionante gli

ultimi tre anni di vita del poeta britannico che

per ventiquattro mesi venne imprigionato nel

carcere londinese di Reading Gaol con l’accusa

di sodomia e che dopo la liberazione fu costret-

to a trasferirsi a Parigi. Proiettata in anteprima

nazionale a Torino durante il “33° Lovers Film

I

think that each of us has a dream. At any age

and at any latitude. It does not matter who

we are and what our social status is, but what

we dream of. For this reason I was not surprised

when Rupert Everett told me that making a film

about Oscar Wilde has always been his dream.

In this case, his wishes are three because what

is considered to be one of the brightest actors of

his generation is also the director and the writer

of the feature film. In “The happy prince - The

last portrait of Oscar Wilde” Rupert Everett

tells about the last three years of life of the

British poet who was imprisoned in Reading

Gaol on charges of sodomy and that after the

liberation was forced to move to Paris. Screened

in national premiere in Turin during the “33rd

Lovers Film Festival - Torino LGBTQI Visions”,

the film is produced by Palomar and distributed

by Vision Distribution and it is an example of

how a topic still difficult and contrasted today

as homosexuality can be told with elegance and

02

speaks about his film

“The happy prince –

The last portrait

of OscarWilde”

racconta il suo film

“The happy prince –

L’ultimo ritratto

di OscarWilde”

Rupert Everett