Plus Magazine 45

18 GIUGNO 2024 | PLUS MAGAZINE dello sviluppo delle future operazioni nelle quali la sinergia tra airpower e la capacità di guida degli Incursori in favore delle milizie locali potrebbe rivelarsi un asset irrinunciabile. Più precisamente il Combat Controller è una peculiarità degli Incursori dell’Aeronautica Militare, espressa in via esclusiva all’interno di tutto il comparto Difesa dal 17° Stormo Incursori. Si tratta di un’attività da Forze Speciali che consente, attraverso inserzioni occulte, spesso aviolanciate, in ambienti non permissivi e/o ostili, la conquista, la messa in sicurezza ed il controllo di strisce improvvisate di atterraggio per il successivo dispiegamento di eventuali ulteriori assetti e forze. Con quali criteri selettivi psicoattitudinali e motivazionali vengono scelti gli aspiranti Incursori? Ci può descrivere l’iter formativo e addestrativo per raggiungere il traguardo finale? Il percorso per diventare Incursore, come è facile immaginare è duro, lungo e difficoltoso. È una professione che richiede una preparazione fisica notevole e la capacità di rimanere lucidi anche in situazioni più estreme. Il percorso inizia con la pubblicazione di un bando di concorso interno rivolto al personale già inA.M. ed uno esterno rivolto a personale civile. Chi risponde al bando viene sottoposto a delle visite mediche e a delle prove sportive. Chi passa questa fase viene poi ulteriormente selezionato durante una fase di tirocinio qui allo Stormo. In questo periodo gli allievi devono progressivamente superare fasi di stress fisico e psicologico affinché si possa comprendere chi ha il poPROTAGONISTI tenziale per iniziare il corso e chi no. Il tasso di selezione è di ben superiore al 50%. Gli idonei iniziano il corso COBAM (Combattimento Basico dell’A.M.), 21 settimane focalizzate sulla navigazione terrestre e le tecniche di pattuglia. Al termine i più promettenti sono ammessi al Corso Basico Incursori A.M che dura circa 14 mesi ed è durante questo corso che si costruisce l’operatore di Forze Speciali. I moduli sono tutti valutativi, si comincia con il modulo di addestramento al combattimento terrestre avanzato, a cui segue il corso di paracadutismo, poi ancora quello SERE, quello Close Quarter Battle, combattimento corpo a corpo, scorta e tutela, demolizioni e breaching. L’ultimo modulo è l’Assalt Zone Survey Course con il quale gli allievi acquisiscono le competenze del Combat Controller, la nostra capacità peculiare. Una volta brevettati Incursori, per gli operatori si aprono una serie di corsi di ulteriore specializzazione. Sono previste operazioni simulate che permettono di creare situazioni ed eventi in una cornice di grande realismo? Nel mondo militare, in particolare in quello delle F.S., vale il detto “train as you fight and fight as you train”. Quindi tutte le attività addestrative devono essere improntate al massimo realismo. Per fare questo si ricorre a sistemi di munizioni non letali negli addestramenti a parti contrapposte, oppure si adottano precauzioni particolari. Ci sono poi delle attività che per loro natura sono sempre realistiche, pensiamoper esempio ad un aviolancio. La vita delle squadriglie operative è scandita da eventi adde-

RkJQdWJsaXNoZXIy MjEzMjU0